Reperti di Archeologia

Piede modenato

Tipo: Ceramica semidepurata acroma
         Ceramica comune depurata

Luogo: Tradizione ellenistica
Tempo: sec. III a.C. (249 - 200)

Descrizione: Piede modanato caratterizzato da una elaborata modellazione a tori sovrapposti. Dubbia è la sua funzione d'uso.

Piede modanato

Dolio

Tipo: Tipo D4, Fiesole
         Argilla arancio-bruno

Luogo: Produzione di Cattolica
Tempo: sec. III a.C. (249 - 200)

Descrizione: Contenitore di grande dimensioni adibito alla conservazione di derrate alimentari e liquidi (vino in modo particolare).

 

Dolio intero

Bacile mortaio

Tipo: Fratte 1990
         Argilla beige-rosata con piccoli e medi inclusi rosso-arancio
         Ceramica comune da cucina

Luogo: produzione di Cattolica
Tempo: sec. III a.C. (249 - 200)

Descrizione: Frammento di mortaio con orlo a tesa ribassata, vasca a calotta arrotondata e piede ad anello. Conserva due pasticche ad applique sull'orlo.

Bacile mortaio

Anfora(e)

Tipo: Greco-italico
         Argilla al tornio
         Argilla grigio-verde
         Anfora da trasporto

Luogo: Produzione di Cattolica
Tempo: sec. III a.C. (268 - 220)

Descrizione: L'anfora, che presenta consistenti difetti di cottura e malformazioni, è probabilmente stata seppellita intera in condizioni di inutilizzo.

Anfora

Patella

Nome: PATELLA

Età: Età imperiale romana

Provenienza: Scavi ex-piazza mercato ortofrutticolo, Anni ‘60, Cattolica

Basso tegame in ceramica refrattaria poco depurata, caratterizzato da corto e alto manico; sembra che questo genere di stoviglia fosse utilizzato soprattutto per le fritture.

PATELLA

Pitale

Nome: PITALE

Età: Età imperiale romana

Provenienza: Scavi ex-piazza mercato ortofrutticolo, Anni ‘60, Cattolica

PITALE

Vasi a pareti sottili

Nome: VASI “A PARETI SOTTILI”
Età: II sec d.C.
Provenienza: Scavi ex-piazza mercato ortofrutticolo, Anni ‘60, Cattolica

I tre vasi, riconducibili alla classe delle pareti sottili molto presente in tutta la Romagna, sono classificabili come bicchieri; ampiamente rappresentati a Cattolica sia negli scavi della presunta mansio sia nella domus di casa Filippini, è probabile che, con o senza anse, fossero questi i bicchieri di uso comune.

VASI A PARETI SOTTILI

Ascia di ferro

Nome: ASCIA DI FERRO

Età: età imperiale romana

Provenienza: Pozzo romano di Cattolica, scavo 1998

Ascia di ferro (secur) con lama taglio verticale, di solito utilizzata per spaccare grossi pezzi di legna, radici, materiale simile.
Questa categoria di oggetti si rinviene frequentemente nei siti rurali ed extraurbani.

ASCIA DI FERRO

Patera

Nome: PATERA

Età: Metà II sec d.C / metà III sec. d.C

Provenienza: Pozzo romano di Cattolica, scavo 1998

Larga patera in terra sigillata chiara africana di tipo “C”, forma Hayes 50.
Dentro il pozzo sono stati rinvenuti i frammenti di due vasi pertinenti a questa tipologia, completamente ricostruibili; dato il pregio di questi reperti, probabilmente si trattava di stoviglie appoggiate sul bordo del pozzo e accidentalmente precipitate.

 

PATERA

Bottiglia

Nome: BOTTIGLIA

Età: II/III sec d.C.

Provenienza: Pozzo romano di Cattolica, scavo 1998

Bottiglia dal ventre carenato utilizzata, come il boccale, per versare il vino.

BOTTIGLIA

Boccale a bocca trilobata

Nome: BOCCALE A BOCCA TRILOBATA

Età: II/III sec. d.C.

Provenienza: Pozzo romano di Cattolica, scavo 1998

Il Boccale a bocca trilobata, con beccuccio versatoio, era destinato di solito a contenere e versare vino. Tipologia molto diffusa nel mondo romano, nella categoria della ceramica comune.

BOCCALE A BOCCA TRILOBATA

Gruppo di vasi potori

Nome: GRUPPO DI VASI POTORI

Età: metà III sec d.C.

Provenienza: Pozzo romano di Cattolica, scavo 1998

GRUPPO DI VASI POTORI

Brocche per acqua

Nome: BROCCA PER ACQUA

Età: Entro la metà del III sec d.C.

Provenienza: Pozzo romano di Cattolica, scavo 1998

Sul fondo del pozzo sono stati recuperati almeno tredici esemplari di grandi brocche per acqua, evidentemente era il vaso che veniva più spesso utilizzato per attingere acqua dal pozzo. Di queste una presenta una lesione sul fondo, tappata poi con del piombo; ad un’altra, recuperata intera, si era staccato il manico durante le operazioni di prelievo dell’acqua.

 

 

BROCCA PER ACQUA